Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Vittoria di misura con 155 voti su 300 seggi

Grecia: fiducia al governo Papandreu, scontri in piazza

Si discute di un piano di tagli di 78 miliardi di euro

Grecia: fiducia al governo Papandreu, scontri in piazza
22/06/2011, 09:06

ATENE (GRECIA) - Ci sono voluti tre giorni di discussioni, ma alla fine George Papandreu è riuscito ad avere la maggioranza per il suo nuovo governo: 155 voti su 300 seggi del Parlamento. Un governo che è stato necessario rimaneggiare per ottenere una maggioranza che accettasse di varare un altro piano di salvataggio per la Grecia: 78 miliardi di euro (quasi un terzo del Pil nazionale, come se in Italia venisse fatta una manovra di 500 miliardi). Il dibattito è stato molto acceso in aula, quanto è stata alta la tensione all'esterno del Parlamento. E quando è giunta la notizia del via libera al nuovo governo, ci sono stati altri scontri tra la folla che si era radunata davanti al Parlamento e le forze di Polizia sistemate intorno al palazzo in assetto antisommossa.
Adesso però la domanda principale è: cosa succederà all'economia greca? Negli ultimi 3 anni sono state fatte manovre finanziarie per 150 miliardi di euro, altri 80 miliardi sono stati prestati dall'Unione Europea e altri 60 sono in discussione. Per ottenere che cosa? L'economia greca è praticamente distrutta, se si esclude il settore turismo; i disoccupati superano il 15% della popolazione, verranno messi in vendita porti, infrastrutture e così via. Alla fine cosa resterà del Paese?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©