Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Nulla di fatto alla riunione tra Papoulias e i partiti

Grecia: il Paese andrà di nuovo alle elezioni

Sarà formato un governo ad interim fino al voto

Grecia: il Paese andrà di nuovo alle elezioni
15/05/2012, 16:05

ATENE - La Grecia tornerà alle urne. Lo ha confermato in modo ufficiale l’ufficio del presidente greco Karolos Papoulias, in quanto si è conclusa con un nulla di fatto la riunione tra lo stesso capo dello Stato e i leader dei partiti eletti in Parlamento. “Andiamo a nuove elezioni” ha detto ai giornalisti il portavoce del presidente Papoulias: queste dovrebbero tenersi probabilmente a giugno, mentre a partire da domani dovrà essere messa a punto una squadra di governo ad interim, con un premier, che rimarrà in carica fino al momento in cui sarà deciso il voto. La riunione per la formazione del governo ad interim è prevista per le ore 13:00 locali. Duro il commento del leader del Pasok, Evangelos Venizelos, per il quale il Paese è chiamato al voto “in condizioni davvero difficili”: “Purtroppo la Grecia va verso nuove elezioni – ha detto – per colpa di qualcuno che ha messo i propri temporanei interessi politici al di sopra di quelli della Nazione”. Il suo celato riferimento va alla coalizione della sinistra radicale Syriza, superfavorita in caso di nuove elezioni e che si è rifiutata di entrare in un governo di coalizione.
Intanto, questa notizia affossa i listini europei. In una manciata di minuti, gli indici incrementano le perdite. Milano, maglia nera, cede il 2,18 per cento a 13.363, mentre lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi tocca un massimo infraday di 440 punti. In rosso anche Parigi (-1,16 per cento), Francoforte (-1,39 per cento), Londra (-0,94 per cento), Madrid (-1,11 per cento) e Lisbona (-1,57 per cento). Annulla i guadagni Atene: il listino principale lascia sul terreno lo 0,96 per cento.L’euro scivola a un nuovo minimo da 4 mesi, sotto quota 1,28 dollari, dopo la notizia del mancato accordo in Grecia.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©