Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Papademos: “Disastro se manovra non passa"

Grecia: oggi il Parlamento vota le nuove misure Ue


Grecia: oggi il Parlamento vota le nuove misure Ue
12/02/2012, 09:02

ATENE -  E’ alta la tensione in Grecia. In particolar modo in questo weekend decisivo dove tutti gli occhi non sono solo puntati non solo sulle piazze, sempre più roventi, ma anche sul Parlamento. infatti, oggi è atteso il cruciale voto che deve approvare o bocciare l'intesa con la troika Ue-Bce-Fmi su un nuovo pacchetto di tagli durissimi in cambio dello sblocco di una tranche vitale da 130 miliardi di euro.

Un'iniezione per salvare Atene dal fallimento. Per questo il premier Loukas Papademos (nella foto)  ha rivolto un messaggio a tratti drammatico alla nazione, in tv. "Sappiamo che le nuove misure colpiranno i greci nel breve termine. Lo sappiamo. Ma i costi sociali non si possono paragonare con il disastro" che genererebbe una loro bocciatura. "Siamo giunti al Punto Zero (espressione greca che sta per 'punto di non ritorno'). Queste misure ci evitano il fallimento incontrollato, che porterebbe il paese alla catastrofe, al caos economico, all'esplosione sociale".
Le misure previste nell'accordo con la troika, ha affermato il premier, "garantiscono il futuro del nostro Paese nell'euro. Fino al 2009 in Grecia c'era un modello economico sbagliato. Si tratta di cose che dovevano essere fatte diverso tempo fa". Papademos ha illustrato nel dettaglio cosa vorrebbe dire la catastrofe, in mancanza del varo delle nuove misure: "Non potremmo più importare generi di prima necessità, o pagare per il funzionamento di ospedali e scuole, pensioni e medicine". Chiedendo il voto dei parlamentari dei due maggiori partiti, Nuova Democrazia e Pasok, il primo ministro ha esortato i greci a reagire: "Il patriottismo non è abbandonare la battaglia, ma difendere la nostra posizione in Europa e nell'euro, prendendo tutti insieme decisioni importanti". Oggi pomeriggio migliaia di manifestanti di tutte le sigle sindacali marceranno sul Parlamento, per una protesta-assedio che si annuncia imponente, e si temono scontri, anche pesanti.

 

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©