Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Nuovo sciopero di 24 ore indetto dai sindacati

Grecia: proteste contro la riforma delle pensioni


Grecia: proteste contro la riforma delle pensioni
20/05/2010, 13:05

ATENE - In Grecia è stato indetto un nuovo sciopero generale di 24 ore contro il duro piano di austerity del governo Papandreou e la riforma delle pensioni, di cui ancora non si conosce la data precisa della discussione in Parlamento, che avverrà forse a fine mese. La riforma prevede diverse modifiche del sistema pensionistico: un innalzamento dell'età di pensionamento, che per le donne sarà fissata a 65 anni; un innalzamento del periodo contributivo minimo da 37 a 40 anni; un'assegnazione delle pensioni basata non più sugli ultimi cinque anni di retribuzione, bensì sullo spessore complessivo della retribuzione dell'intera carriera lavorativa. Per alleggerire ulteriormente le finanze pubbliche si parla anche di limitare il prepensionamento.
La riforma delle pensioni è stata definita come "antisociale e neoliberale" dai sindacati ADEDY dei dipendenti pubblici, GSEE dei lavoratori privati e PAME, di orientamento comunista, i quali hanno convocato un nuovo sciopero generale, il quarto dall'inizio della crisi. Stavolta però la paralisi dei servizi riguarderà solo i trasporti stradali, ferroviari e marittimi, gli ospedali (fatta eccezione per le emergenze), le banche, i ministeri, gli uffici pubblici e le scuole. Non aderiscono, invece, i giornalisti, nè i controllori di volo, per evitare disagi che graverebbero ulteriormente sul settore turistico, sul quale già si stanno avvertendo le ripercussioni della crisi economica.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©