Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Secondo molti, è in relazione al voto di domenica

Grecia: pubblicate foto di prostitute con Hiv. E' polemica


Grecia: pubblicate foto di prostitute con Hiv. E' polemica
04/05/2012, 09:05

ATENE (GRECIA) - Secondo molti, si tratta di uno spot elettorale in vista delle elezioni che si terranno domenica per eleggere il parlamento greco; secondo altri di un provvedimento per la salute dei cittadini; quello che si sa di certo è che è una nuova gogna mediatica, decisa dal governo greco.
Il riferimento è alla prostituzione in Grecia, legittima all'interno di strutture protette (una sorta di "case chiuse") ma tollerata anche al di fuori di esse. Improvvisamente, nei giorni scorsi la Polizia ha fatto retate contro le prostitute, arrestandone un centinaio. Di queste, 17 - soprattutto straniere dell'est Europa - sono finite con le foto pubblicate, in quanto sieropositive. L'accusa contro di loro è di aver procurato danno alla società greca, come ha detto il Ministro per la Tutela del Cittadino, Michalis Chrysochoidis. Secondo la Polizia, le ragazze hanno ammesso di aver avuto rapporti non protetti con centinaia di uomini. Subito il Ministro della Salute, Andreas Louverdos ne ha approfittato, promettendo una legge che punisca sia la prostituta affetta da Hiv che pratica rapporti sessuali non protetti sia il cliente.
Ma al di fuori del governo, è un coro di proteste. Innanzitutto, perchè si sospetta - visto il forte interessamento di alcuni ministri candidati alle prossime elezioni - che si sia creata questa gogna mediatica contro le prostitute solo per guadagnare consensi (che secondo i sondaggi sono in caduta libera, nei confronti dei principali partiti di governo; anche se ultimamente hanno recuperato qualcosina). E comunque perchè si ricade nell'annoso problema: fino a che punto è lecito violare il diritto dell'ammalato di tenere nascosta la sua malattia? Soprattutto quando si tratta di una malattia che - come nel caso dell'Hiv - conduce all'emarginazione sociale. Dalla'altra parte, i dati parlano di un preoccupante aumento degli ammalati di Hiv: nel solo 2011 c'è stato un rialzo del 57%, con 954 nuovi casi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©