Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

“Solo effetti dei cambiamenti di impostazione”

Grilli: “ Non c’è guerra delle valute”

Il Ministro a Mosca per G20

Grilli: “ Non c’è guerra delle valute”
16/02/2013, 10:46

MOSCA- Il ministro dell'economia Vittorio Grilli, dal G20 in corso a Mosca, tranquillizza sulla “guerra delle valute” dovuta al deprezzamento dello yen.
Secondo il ministro "Non c'è nessuna guerra in corso, solo effetti dei cambiamenti di impostazione macroeconomica nazionale”.
Ai giornalisti italiani poi ha detto:
“C’è stata una discussione, ma penso che le parole di ieri del presidente della Bce fossero anche riassuntive un po’ del dibattito. Gran parte di questi cambiamenti dei valori delle valute sono dovuti non a quella che è stata definita una guerra valutaria ma a cambiamenti di impostazione macroeconomica nazionale che fanno parte di nuovi percorsi di politiche di stabilizzazione delle diverse economie, che in gran parte sono stati sostenuti e applauditi a livello globale”.
Grilli ha poi concluso:
“Non sono interventi specifici di cambi ma sono il riaggiustamento dei valori di cambi a nuove evoluzioni macroeconomiche nazionali. Spero che con il G20 si ribadiscano quei principi generali e importantissimi che sono già stati espressi nel comunicato del G7. I dati italiani non sono una sorpresa per il 2012. Che fossimo in una situazione di recessione era abbastanza noto e quindi forse è stata una sorpresa per qualche altro paese, però sicuramente non mi sembra una grande sorpresa. I dati della commissione confermano che l'uscita da questa crisi è un'uscita difficile, per questo è importante l'impegno sia sulla stabilizzazione dei mercati sia sulle riforme. Ciò che si fa o non si fa in un paese ha un importante impatto sugli altri, per cui è importantissimo che questa azione di riforma sia profonda e comune”.

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©