Dal mondo / America

Commenta Stampa

1,5 milioni dalla Svizzera; 100 dalla Banca Mondiale

Haiti: arrivano i marines (con aiuti e soccorsi)


Haiti: arrivano i marines (con aiuti e soccorsi)
14/01/2010, 14:01

HAITI - Una imponente flotta è salpata dagli USA con destinazione Haiti: trasporta centinaia di tonnellate di rifornimenti, 2000 marines, personale medico e così via. Ma non è una invasione, sono i soccorsi statunitensi. Infatti negli USA non c'è una organizzaizone civile sul tipo dela Protezione Civile. Ad occuparsi di questi soccorsi sono l'Esercito e la Guardia Nazionale. Di conseguenza, appena costituita una riserva degna di questo nome, è stata mandata via mare nell'isola caraibica. Una soluzione lenta (le navi possono viaggiare lentamente), ma che consente di trasportare enormi quantità di cibo, tende e quant'altro sia necessario per aiutare i terremotati di Haiti. Nel frattempo già sono arrivati con un aereo C-130 Hercules gli esperti per stabilire la logistica della zona. Ma non si muove solo il governo USA, ma anche i singoli: Angelina Jolie e Brad Pitt hanno regalato un milione di dollari; il campione di ciclismo Lance Armstrong ne ha promessi 250 mila.
Ma anche dall'Italia è partito il primo Hercules con a bordo personale sanitario e il necessario per costruire un campo medico. La Banca Mondiale ha sbloccato fondi per 100 milioni di dollari per Haiti; il Giappone sta contribuendo per 5 milioni. La Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa hanno lanciato un appello per raccogliere almeno 10 milioni di dollari in aiuti. E la Svizzera, dopo aver fatto partire un pool di esperti in avanscoperta, sta allestendo i soccorsi e il personale da inviare sull'isola, oltre ad avere donato 1,5 milioni di dollari.
In questa gara della solidarietà, si è alzata una sola voce stonata: la Repubblica Dominicana. Nonostante siano i più vicini, il governo di Santo Domingo non sta facendo molto per aiutare i vicini (ricordiamo che Santo Domingo ed Haiti sono le due nazioni che occupano una stessa isola) e anzi ha annunciato di avere bloccato le frontiere per impedire che profughi haitiani entrino nel loro territorio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©