Dal mondo / America

Commenta Stampa

Aperte in Italia le sottoscrizioni via SMS

Haiti: arrivano i primi aiuti per aiutare i soccorritori


Haiti: arrivano i primi aiuti per aiutare i soccorritori
14/01/2010, 09:01

HAITI - Sta cominciando a muoversi in tutto il mondo la macchina dei soccorsi per Haiti, devastata dal terremoto. Le prime informazioni - molto frammentarie, a causa della impossibilità di usare la rete telefonica locale - rappreentavano una realtà già drammatica; ma la realtà è molto peggiore. I palazzi rimasti in piedi nella capitale sono pochissimi; il numero dei morti, dei feriti e dei dispersi, allo stato, è incalcolabile. Anche la missione Onu ha visto il proprio quartier generale cadere sotto le violente vibrazioni del terremoto, con un bilancio di vittime grave: 14 morti accertati (10 brasiliani, tre giordani ed un civile haitiano; ma ieri Pechino lamentava anche la morte di 10 soldati cinesi); 56 feriti e oltre 100 dispersi. Tra questi ultimi anche il generale tunisino Hedi Annabi, capomissione ONU, e il suo vice, il canadese Kim Bolduc.
Intanto sono stati attivati in Italia i servizi di raccolta fondi di solidarietà per Haiti. si possono donare 2 euro alla Croce Rossa mandando un SMS al 48540 da telefoni Wind e "3"; oppure all'associazione onlus "Mediafriends" mandando un SMS al 48541. Per chi intendesse donare cifre più rilevanti, ci sono molte alternative. Lo si può fare per esempio attraverso "Medici senza Frontiere", già attiva sul posto, attraverso la carta di credito telefonando al numero verde 800.99.66.55 oppure allo 06.44.86.92.25; bonifico bancario IBAN IT58D0501803200000000115000; conto corrente postale 87486007 intestato a Medici Senza Frontiere onlus causale Terremoto Haiti; sul sito
www.medicisenzafrontiere.it. Oppure partecipare alla raccolta fondi promossa dalla Curia di Milano, quella del Comune di Milano, o dei Confratelli delle Misericordie d'Italia, insieme a molte Ong italiane. Mentre il Sermig (Servizio Missionario Giovani) di Torino sta allestendo un container di aiuti alimentari da inviare nell'isola caraibica.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©