Dal mondo / America

Commenta Stampa

"Solo polemiche senza senso"

Haiti, Hilary Clinton risponde a Guido Bertolaso


Haiti, Hilary Clinton risponde a Guido Bertolaso
25/01/2010, 18:01

WASHINGTON - Ha rischiato il piccolo ed imbarazzate incidente diplomatico il capo della protezione civile Guido Bertolaso, quando, colto da irrefrenabile "sincerità" (avventatezza?) ha paragonato ad una ipocrita "fiera della vanità" l'enorme macchina dei soccorsi messa in piedi dagli Usa; facendo probabilmente polemico riferimento anche alla manifestazione-raccolta fondi "Hope for Haiti now" svoltasi tra Los Angeles e Londra.
Non si è però fatta attendere la risposta piccata e raggelante di Hilary Clinton che ha definito metaforicamente come un' insulsa "monday morning quarterback" (polemica da dopo partita) la critica mossa dal numero uno italiano della P.C.
La Clinton, riferendosi all'accusa di aver portato sul territorio terremotato "moltissimi militari e quasi nessun soccorritore", ha in un primo momento ringraziato l'Italia per il suo encomiabile lavoro svolto sull'isola e, successivamente, ha precisato che "c’è un grande impegno internazionale per portare aiuti ad Haiti. E non è possibile farlo senza il sostegno dei militari".
Il segretario di Stato americano ha poi espresso tutto il suo "piacere nel dare il benvenuto al ministro Frattini, rappresentante di un Paese grande alleato e amico degli Stati Uniti. Con Franco - ha concluso - ci siamo sentiti spesso negli ultimi tempi e continueremo a farlo".
E a proposito del titolare della Farnesina, Franco Frattini ha subito preso le distanze dalle dichiarazioni di Bertolaso dichiarando apertamente che "Il governo non si riconosce nelle sue dichiarazioni" ma poi prodigandosi in una benevola carezza elogiativa ricordando che, il capo della protezione civile, "ha fatto proposte importanti al governo di Haiti" per migliorare in maniera concreta e duratura le condizioni di vita degli abitanti della regione.
Come intuibile, il number one della diplomazia italiana ha espresso "a nome del governo italiano il massimo apprezzamento per la generosità, lo spirito umano e la leadership che gli Stati Uniti e il president Obama personalmente stanno dimostrando nell’azione di soccorso ad Haiti" precisando dunque che non era intenzione del nostro paese criticare l'encomiabile operato degli americani durante le operazione di soccorso.
"Di fronte ad una tragedia umana di tale portata e in un contesto così complesso come quello di Haiti - conclude Frattini - abbiamo bisogno della leadership americana e, insieme ad essa, anche del più efficace coordinamento degli sforzi internazionali da parte dell’Onu" Visto anche che  "la solidarietà euroatlantica e internazionale sono cruciali".
Dunque, le critiche di Bertolaso che parlavano addirittura di "Interventi patetici" da parte degli Usa, sono già acqua passata e, il pluridecorato capo della p.c, ha imparato che non è solo contro la Chiesa che non bisognerebbe mai muoversi.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©