Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ancora soldati USA impediscono ad aerei medici di atterrare

Haiti: la terra trema ancora, scossa di magnitudo 6,1


Haiti: la terra trema ancora, scossa di magnitudo 6,1
20/01/2010, 15:01

PORT-AU-PRINCE (HAITI) - Una forte scossa di terremoto ha gettato una nuova ondata di panico tra i cittadini di Haiti, alle 6.03 ora locale (le 12.03 in Italia). La scossa, di magnitudo 6,1, non dovrebbe avere fatto altre vittime, ma ha fatto crollare alcuni edifici già lesionati dal sisma di 10 giorni fa. Nel frattempo proseguono senza sosta le operazioni di ricerca di eventuali superstiti sepolti sotto le macerie, ma ormai le speranze di trovare vive altre persone sono minime. Anche se oggi è stata trovata una donna di 70 anni sotto le macerie della cattedrale.
Ma continuano le violenze, anche sui civili: oggi una ragazza di 15 anni è stata uccisa da una pallottola sparata dalla Polizia. Secondo il padre della vittima, si è trattata di una sparatoria iniziata dalla Polizia per uccidere; altri testimoni hanno detto che la Polizia ha sparato in aria per far scappare un gruppo di saccheggiatori e la ragazza è stata colpita da una pallottola vagante.
Quella che inizialmente sembrava una buona idea, cioè la presenza dei soldati statunitensi per distribuire gli aiuti ai terremotati, si sta rivelando disastrosa. Infatti, i militari si sono dimostrati assolutamente incapaci a distribuire il cibo. Di conseguenza i soldati hanno continuato a sganciare i contenitori pieni di cibo dagli elicotteri, un sistema che consente ai più forti - di solito le gang criminali che invadono la città di Port-Au-Prince - di impadronirsi di tutto. Per questo è stato lo stesso ambasciatore di Haiti a New York a presentare una formale protesta al Segretario di Stato Hillary Clinton. Inoltre Medici Senza Frontiere continua a lamentare il fatto che i soldati impediscono sistematicamente ai loro aerei di atterrare. Ben 85 tonnellate di medicine, attrezzature mediche e cose del genere sono state dirottate su Santo Domingo, a causa della dichiarata inagibilità dell'aeroporto da parte degli americani. A causa di questo fatto, almeno 5 persone sono morte, perchè non avevano avuto accesso ai medicinali portati lì con gli aerei di MSF.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©