Dal mondo / America

Commenta Stampa

Moltissimi bambini a rischio di contagio

Haiti, salgono a 292 le vittime del colera


Haiti, salgono a 292 le vittime del colera
27/10/2010, 19:10

PORT-AU-PRINCE – Secondo l’ultimo bilancio diramato dalle autorità locali, il numero di persone decedute ad Haiti per il colera è salito a 292, ma in queste ore altre 500 sono state ricoverate in ospedale perché contagiate.
Intanto, l’Organizzazione mondiale della sanità, fa sapere che la malattia non ha ancora raggiunto il suo picco e che nei prossimi giorni il numero delle vittime potrebbe ancora salire. I casi di colera registrati fino ad ora sono quasi 3000 e la zona maggiormente colpita è stata il nord della capitale.
Intanto, il dottor John Andrus, vicedirettore del Pan American Health Organization, ha spiegato che a rischiare di più sono tutte le persone con un basso livello immunitario e malnutrite, e tra queste neanche a dirlo tantissimi bambini.
"È una malattia che si diffonde in condizioni estreme, tra persone debilitate, dove mancano le strutture sanitarie, in condizioni di estrema povertà, nelle zone dove avvengono disastri naturali come terremoti e inondazioni. - Ha spiegato Peter Hotez della George Washington University - . È una malattia che può uccidere in poche ore".
In allarme oltre ad Haiti anche altre zone, come la Nigeria il Pakistan e l’India. Si teme infatti che anche in questi luoghi possa proliferarsi pesantemente la malattia. Per scongiurare questi nuovi contagi l’Unicef sta distribuendo: antibiotici, kit speciali per la cura della diarrea e numerose sostanze per disinfettare l’acqua.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©