Dal mondo / America

Commenta Stampa

A decretarlo l’ultimo sondaggio della Gallup

Hillary più popolare di Obama


Hillary più popolare di Obama
15/10/2009, 21:10

Sconfitta da Barack Obama per la corsa alla Casa Bianca, l’ex first lady Hillary Clinton, si prende una bella rivincita. Nei sondaggi di gradimento, infatti, il Segretario di Stato risulta essere più in alto del Presidente degli Stati Uniti. Una clamorosa vittoria sul suo storico avversario delle primarie democratiche. A decretare il sorpasso della bionda signora della politica americana, l’ultima indagine Gallup che ha sondato gli umori della popolazione Usa scoprendo che l’indice di gradimento di Hillary è  del 62% contro il 56% di Obama. Un traumatico rovesciamento di fronte: a gennaio, quando si insediò alla Casa Bianca, la popolarità di Obama era al 78%, quella della segretaria di Stato si aggirava attorno al 50%. Numeri che smentirebbero anche quanto i giornali ripetono da mesi, e cioè che Hillary sia oramai fuori dalla scena politica e conti sempre meno sulle scelte di Washington. Ma quello che può essere definito “il sorpasso dell’anno” rischia anche di compromettere delicati equilibri rischiando di spaccare in due i democratici riaccendendo vecchie rivalità. In molti, inoltre, tra i sostenitori della Clinton,  sperano che questa dimostrazione di affetto e di approvazione popolare, possa risvegliare nella ex inquilina della Casa Bianca, la voglia di ripresentarsi alle prossime elezioni del 2012, per tentare, ancora una volta, di diventare il primo presidente donna della storia. La Clinton smentisce una tale eventualità, ma è certo che la vittoria nel sondaggio della Gallup, proprio riguardo al gradimento, uno dei punti forti del Presidente Obama, rappresenta una bella iniezione di ottimismo e fiducia per una possibile nuova competizione tra i due. Bisogna però anche ricordare che il sondaggio è stato comunque condotto prima del conferimento a Obama del premio Nobel per la Pace, che secondo i ricercatori potrebbe aver fatto risalire le quotazioni del presidente.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©