Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

I palermitani a 18 anni dalla morte di Falcone e Borsellino


I palermitani a 18 anni dalla morte di Falcone e Borsellino
18/07/2010, 22:07

Due episodi hanno caratterizzato la vigilia delle celebrazioni per i 18 anni dal tragico anniversario della morte di Paolo Borsellino, morto nell'attentato in via D'Amelio il 19 luglio 1992, insieme agli uomini della sua scorta. Il primo episodio è il danneggiamento della statua, rappresentante i due giudici, che era stata posizionata a Palermo, tra piazza Castelnuovo e Via Quintino Sella. Il secondo la manifestazione organizzata per domenica 18 luglio alle 9 del mattino, che ha richiamato solo un centinaio di persone, tra cui molte provenienti da fuori la Sicilia.
Sono due segnali poco incoraggianti, senza dubbio. Ma quali possono essere le cause? E' vero che c'è la disaffezione dei cittadini palermitani per il rispetto della legalità?
Personalmente non credo. Ovviamente non posso parlare uno per uno per ciascuno dei cittadini del capoluogo siciliano, ma è un fenomeno che ho aviuto modo di notare. In sostanza, il punto è semplice: i palermitani (come i siciliani e gli altri abitanti del sud) onesti si sono scocciati di dover combattere una guerra sia contro la mafia che contro lo Stato, aiutati solo da una parte delle forze dell'ordine e dei giudici. Non se la sentono di esporsi nuovamente in prima persona, per poi essere lasciati in mezzo alla strada da soli. E' già successo proprio nel 1992. Quando Falcone e Borsellino vennero uccisi, la reazione popolare fu così violenta nei confronti dei politici da farli scappare. E questo provocò una reazione positiva dello Stato, tanto che si ebbe l'arresto di Totò Riina e di altri personaggi importanti della mafia. O, secondo una certa versione ei fatti, questi personaggi furono consegnati da Provenzano, nell'ambito delle trattative tra mafia e Stato, quelle che sarebbero state iniziate dai vertici del Ros, Mori ed Obinnu.
Come siano andate le cose, resta il fatto di fondo: che dopo il 1994 la politica ha cominciato a lasciare andare il sud alla deriva come prima. E in questa maniera i cittadini sono rimasti in prima fila nella lotta contro la mafia, subendone le conseguenze, con un aumento dei casi di racket ed un controllo sempre più totale del territorio. Ora è normale che non ci sia più voglia di esporsi. Non è paura, ma semplicemente la normalità: nessuno che abbia un po' di buon senso ci tiene a fare la fine di Don Chisciotte contro i mulini a vento. Per chi non avesse letto il libro, il prode cavaliere finisce con le ossa rotte e poi muore. E non è facile convincere la gente a fare lo stesso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©