Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

I Talebani al Papa: "No al proselitismo cristiano"


I Talebani al Papa: 'No al proselitismo cristiano'
07/05/2009, 11:05

Su un sito web considerato vicino ai talebani, alemarah1.org, è apparso un messaggio rivolto al Papa alquanto minaccioso: "Rivolgiamo un appello alla massima autorità religiosa cristiana, papa Benedetto XVI, affinché impedisca concretamente le azioni stupide e irresponsabili di missionari crociati insensibili; chiediamo che non aspetti le gravi conseguenze di una reazione, dovuta alla sensibilità islamica in rivolta dei musulmani afgani".
Il tutto è partito da un servizio, mostrato dall'emittente Al Jazeera, in cui si vedevano soldati statunitensi in Afghanistan con delle Bibbie tradotte in pashtun e in arabo, le due lingue parlate in quel Paese. Infatti, è bene ricordare che in molti Paesi islamici, compreso l'Afghanistan, è proibito fare proselitismo di altre religioni. E nel comunicato si accusano i militari anche di aver mandato dei "nuovi missionari crociati" a fare proselitismo con la scusa di missioni umanitarie. Frase pericolosa, che fa presagire problemi per le organizzazioni umanitarie presenti in loco.
L'esercito americano, attraverso un portavoce, ha risposto che le Bibbie in questione sono state confiscate e distrutte e che le immagini risalgono ad oltre un anno fa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©