Dal mondo / America

Commenta Stampa

Lo sceicco ancora vivo? Giallo dopo un video

Il figlio di bin Laden: “Papà mi picchiava”


Il figlio di bin Laden: “Papà mi picchiava”
28/10/2009, 20:10

Si torna a parlare di Osama bin Laden, in un libro scritto a quattro mani dal figlio e dalla madre di lui, ed in un video che parrebbe ritrarlo anche se in immagini sfocate. Omar bin Laden, quartogenito dello sceicco del terrore, nel libro “Crescere Bin Laden” (appena pubblicato negli Usa e in estratti su ‘Vanity Fair’), descrive il padre come una persona manesca, collerica, estremamente possessiva nei confronti dei familiari. Osama, scrive Omar, portava con sé sempre un bastone di legno che usava per picchiare i figli per qualsiasi disobbedienza e teneva i familiari come “prigionieri virtuali” per timore che potessero finire vittima di rapimenti. “I miei fratelli ed io, - si legge, - passavamo ore a fissare le finestre di casa, sognando di giocare con gli altri ragazzini sul marciapiede, di andare in bicicletta, saltare la corda”. Malgrado ciò, il ventottenne Omar venerava suo padre, “non solo l’uomo più brillante ma anche l’uomo più alto del mondo”.

Intanto, è giallo dopo la diffusione di un video che ritrae una persona che potrebbe essere proprio Osama bin Laden. Se si trattasse di lui, sarebbe la conferma che lo sceicco del terrore è ancora vivo. Il video di al-Qaeda riprende il sermone pronunciato il 20 settembre da uno dei leader, il libico Abu Yahya al Libi, in occasione della cerimonia di Eid al-Fitr, la fine del mese di Ramadan. Al termine del discorso l’immagine si fa sfocata e, tra la folla, appare un volto che ricorda quello di Bin Laden. L’ultima sua apparizione in video risale al 2004, circostanza che fa ritenere verosimile la possibilità che sia morto per cause naturali o per le conseguenze di un ferimento. Se da un lato c’è chi si interroga sull’identità della (a questo punto) misteriosa persona ritratta, c’è già chi incespica in ragionamenti ‘controcorrente’: perché diffondere immagini di bin Laden sfocate al punto da renderne difficile l’identificazione? Il filmato è la prova che lo sceicco del terrore è vivo, o il contrario?

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©