Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ora toccherà al Tribunale decidere

Il governo britannico dà l'ok all'estradizione negli Usa di Assange


Il governo britannico dà l'ok all'estradizione negli Usa di Assange
13/06/2019, 17:00

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Il Ministro degli Interni britannico Sajid Javid ha firmato l'autorizzazione per estradare Julian Assange negli Usa, dove dovrà essere processato per spionaggio. Ma si sa che il problema non è tanto il processo, quanto quello che succederà prima e dopo il processo. Dopo tutto, Guantanamo non è una invenzione del Vaticano, e c'è sempre acqua per il water boarding. Ora la parola passa al Tribunale, che dovrà decidere. Ma in Gran Bretagna i giudici sono sempre molto attenti alle esigenze della politica. Domani il giudice deciderà anche se svolgere l'udienza in Tribunale o nel carcere dove Assange è detenuto, a seconda delle condizioni di salute dell'arrestato. 

Da notare che prima di quella statunitense, c'era una richiesta di estradizione dalla Svezia, dove l'ex giornalista è accusato di violenza sessuale (più propriamente, è accusato di aver costretto due ragazze a fare sesso con lui senza preservativo; e questo è un reato, ndr). Ma improvvisamente la richeista di estradizione è stata ritirata e quindi è stata esaminata quella degli Usa. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©