Dal mondo / America

Commenta Stampa

Sotto accusa la scarsa trasparenza nell'erogazione dei mutui

Il governo Usa fa causa alle banche per i mutui subprime


Il governo Usa fa causa alle banche per i mutui subprime
02/09/2011, 10:09

WASHINGTON (USA) - Che alla fine siano le banche ad aiutare il governo statunitense a superare il momento di grave deficit? E' quello che è lecito supporre dopo l'ultima iniziativa del governo Usa, che - secondo quanto riporta il New York Times - ha deciso di intentare una causa contro le principali banche responsabili dei cosiddetti mutui subprime. E quindi nel mirino ci sono banche del calibro di Bank of America, JPMorgan, Goldman Sachs e Deutsche Bank. Certo, è anomalo pensare che il governo, dopo aver speso miliardi per salvare Bank of America e Goldman Sachs dal fallimento, ora intenti una causa che, se venisse portata a fondo, rischierebbe di far fallire le suddette banche.
La causa è basata sul fatto che le banche sono considerate colpevoli di non essersi attenute a quella "due diligence", che è d'obbligo, nel verificare la solvibilità di coloro che chiedevano un prestito. E' chiaro che se questo fosse stato fatto, non si sarebbe diffusa l'abitudine di avallare la concessione di prestiti e mutui con dichiarazioni dei redditi false.
L'azione legale è avanzata formalmente dalla Federal Housing Finance Agency, l'agenzia federale che, da quando è iniziata la crisi nel 2008, ha preso in mano la supervisione di Fannie May e Freddie Mac, due banche a capitale misto (pubblico/privato) il cui compito era proprio quello di accollarsi i mutui in sofferenza. E che con la crisi ha perso circa 30 miliardi di dollari, una cifra troppo alta per passare indenni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©