Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Tutti i punti oscuri della vicenda

Il Kamikaze di al-Qaeda e lo "strano" attentato di Stoccolma


Il Kamikaze di al-Qaeda e lo 'strano' attentato di Stoccolma
13/12/2010, 19:12

STOCCOLMA - C'è non poca confusione riguardo il presunto "attentato terroristico" che sarebbe stato lanciato nel cuore commerciale della capitale Svedese. Molti i punti nebulosi in una vicenda che si è evoluta giornalmente fino a portare, per l'ennesima volta, all'estremismo islamico.
Su molti organi di stampa ufficiale come ad esempio il Sole 24 ore, si svela ad esempio che l'idendità dell'unico cadavere ritrovato a 300 metri dall'auto esplosa è stata svelata: si tratterebbe di Taymour Abdel Wahab, kamikaze collegato direttamente ad al-Qaeda che avrebbe addirittura redatto un chiaro testamento facilmanete reperito dalle autorità. Nel documento presentato celermente alla stampa, si legge che il 25enne avrebbe agito dietro mandato ufficiale dello Stato Islamico d'Iraq.
Lo stesso uomo, sarebbe stato anche l'autore di una mail di minaccia che invocava la "Jihad" in riferimento dell'intervento della Svezia in Afghanistan e alle oramai stranote vignette ironiche su Maometto redatte dall'artista Lars Wilks. Ma oltre al sito islamico "Choumoukh al-islam" attraverso il quale è trapelato il nome del primo presunto attentatore, la polizia non ha ancora confermato l'identità del cadavere. Secondo altre fonti, inoltre, dietro il tentativo fallito di strage c'è il 28enne Taymour Abdel Wahab; iracheno, e residente in una piccola città nel sud della Svezia.
In un primo momento, l'esplosione (che è poi è diventata duplice) era stata attribuita ad un tentativo di suicidio. Poi gli ordigni brillati sono diventati due (con il secondo del quale si sa ancora poco o nulla) ed il movente è stato completamente stravolto fino ad ipotizzare e dare per certa la matrice fondamentalista. Resta ancora poco chiaro, però, come un terrorista che prepara per anni un attentano nell'affollatissimo centro di Stoccolma, poi finisca con il fallire miseramente e con l'ottenere "solo" due feriti. Certo i miracoli esistono ma, in questo caso, ci sono troppe "coincidenza" e lati oscuri che lasciano decisamente perplessi riguardo l'affidabilità delle notizie pervenute fino ad oggi.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©