Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ma il governo di Teheran si mostra ottimista

Il nucleare iraniano: Francia ed Israele, stop all'accordo


Il nucleare iraniano: Francia ed Israele, stop all'accordo
09/11/2013, 11:00

GINEVRA - L'ottimismo che si era diffuso negli ultimi giorni su un accordo sul nucleare iraniano rischia di naufragare miseramente, a causa dell'intransigenza di Francia ed Israele. Infatti c'è stata una telefonata tra Barack Obama e il premier israeliano Benjamin Netanyahu, sul nucleare iraniano. I due leader hanno concordato sulla necessità di non permettere all'Iran di avere l'arma nucleare, che nell'area rimane esclusiva di Israele. 
Contemporaneamente il Ministro degli Esteri Laurent Fabius ha spento ogni speranza: "Non ci sono certezze di un accordo tra il 5+1 (Gb, Cina, Francia, Usa, Russia e Germania) e l'Iran sul programma nucleare di Teheran. C'è una bozza iniziale che non accettiamo ma non sono certo che si possa arrivare a una conclusione". Inoltre Fabius ha ricordato che vanno tenuti conto gli interessi degli alleati degli Usa, cioè Israele ed Arabia Saudita, nella composizione delle parti. A quanto pare i problemi sono due: l'eliminazione di tutte le centrali nucleari dall'Iran, costruite o in costruzione, e dell'uranio già arricchito al 20% per uso civile. 
Dal canto suo l'Iran invece ha annunciato di aver presentato una nuova proposta su cui conta di avere l'ok di tutte e sei le nazioni con cui è aperta la trattativa. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©