Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Già 6 mesi fa è stato dichiarato persona non grata

Il poeta Gunter Grass elogia Vanunu, "traditore" di Israele


Il poeta Gunter Grass elogia Vanunu, 'traditore' di Israele
29/09/2012, 16:04

BERLINO (GERMANIA) - Il poeta tedesco Gunter Grass - premio Nobel per la letteratura nel 1999 - sembra averci preso gusto a prendere in giro Israele. Dopo la pubblicazione della poesia "COsa deve essere detto", nella quale spiegava che Israele è una potenza nucleare ed un pericolo per la pace mondiale, era stato dichiarato da Israele "persona non grata" (cioè non può più entrare nel Paese). 
Ed ora, nella prossima pubblicazione "Effimeri", una delle 87 poesie torna su Israele, anche se più indirettamente. Lo fa lodando Mordechai Vanunu, nella poesia "un eroe dei nostri giorni". Vanunu era un tecnico della centrale nucleare di Dimona che nel 1985 svelò al Sunday Times che Israele aveva centrali nucleari e anche missili e bombe pronte per essere sparate contro i Paesi vicini. Fu una rivelazione, perchè Israele non ha mai permesso agli ispetteori della Aiea (l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica) di controllare il proprio territorio; tanto che ancora oggi ufficialmente Israele è considerato un Paese privo di armi nucleari. Vanunu venne attirato in una trappola a Roma dal Mossad, arrestato e condannato a 18 anni di carcere, in un processo senza avvocati e senza pubblicità. Dopo 11 anni di isolamento diurno, nel 2004 venne mandato agli arresti domiciliari. Nonostante la sua condanna sia terminata, è tuttora prigioniero in casa sua ed inavvicinabile. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©