Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

E' la sesta nazione in Europa.

Il Portogallo ammette i matrimoni dei gay


Il Portogallo ammette i matrimoni dei gay
08/01/2010, 15:01

LISBONA - Ha avuto un iter non semplice, ma alla fine anche il Portogallo è entrato nel gruppo dei Paesi europei che hanno approvato per legge i matrimoni tra gay. Il Parlamento ha approvato oggi la normativa, anche se ha poi respinto un'altra legge che prevedeva la possibilità per i gay di adottare figli.
Ora in Europa sono sei i Paesi in cui è possibile il matrimonio tra gay: oltre al Portogallo, c'è Belgio, Svezia, Norvegia, Spagna e Olanda, La legge però non è ancora entrata in vigore, e non lo sarà finchè il Presidente non la promulgherà. Ma poi, le coppie omosessuali potranno cominciare a sposarsi. Un bel regalo, per la visita di Benedetto XVI, prevista per maggio.
Invece è stata battuta la proposta del partito socialdemocratico, che proponeva una unione civile registrata (una sorta di Pacs) con gli stessi diritti delle persone sposate.
Respinta anche la proposta del partito di destra, all'opposizione, che chiedeva un referendum tra i cittadini.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©