Dal mondo / Estremo Oriente

Commenta Stampa

La decisione arriva dopo la rinuncia al regime militare

Il premio Nobel alla Pace, Suu Kyi torna in politica

"C'è aria di cambiamento nella Birmania"

Il premio Nobel alla Pace, Suu Kyi torna in politica
18/11/2011, 20:11

I cambiamenti promessi dal nuovo Presidente della Birmania, Thein Sein iniziano a dare nuove speranze al paese. Prima tra tutti a credere alle parole del nuovo presidente è stata Aung San Suu Kyii, che appresa la decisione di Sein di rinunciare al regime militare ha commentato:” l cambiamento è in atto in Birmania e se procederà con fermezza e rapidità risulterà anche credibile".
C’è aria di cambiamento nella Birmania come si può notare dalla decisione del partito del Nobel della Pace del 1991 di prender parte alle elezioni suppletive che sono state previste per riempire i 48 seggi parlamentari vacanti. Dopo la notizia che anche altri movimenti stanno caratterizzando il governo come la decisione di liberare i centinaia di prigionieri politici, resta solo da scoprire se Suu Kyi abbia intenzione di candidarsi o meno.
In tal caso sarà la prima volta che, il partito di opposizione principale che nelle legislative del 1990 ottenne una vittoria schiacciante ( se pur non riconosciuta dalla giunta militare al potere) concorrerà in una vera e propria competizione elettorale. Approvazione arriva anche da l governo birmano come testimoniano le parole di Ko Ko Hlaing, portavoce e braccio destro del presidente , che ha parlato di un vero e proprio passo significativo in quanto” il partito di Suu Kyi in Parlamento sarà una forza di opposizione formidabile, e ciò costituisce un’ottima formula per il sistema democratico”, e potrà allo stesso tempo garantire collaborazione data l’assenza di forze politiche estranee alla struttura costituzionale.
Non resta che aspettare le elezioni sperando che questa volta nulla vada storto come invece accadde il 7 novembre dell’anno scorso , giorno in cui la lega per la Democrazia boicottò le elezioni per protestare contro gli arresti domiciliari a cui era condannata la propria leader ( costando lo scioglimento delle autorità).

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©