Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Talebani minacciano di ucciderla

Il premio Sakharov all’eroina anti talebani Malala


Il premio Sakharov all’eroina anti talebani Malala
10/10/2013, 18:12

La vincitrice del premio Sakharov 2013, prestigioso riconoscimento del Parlamento europeo per la libertà di pensiero, è la giovane attivista pakistana Malala Yousafzai.
Malala, 16 anni, nell’ottobre del 2012 è rimasta gravemente ferita dopo un attacco da parte dei talebani. Inoltre, la giovane attivista è stata candidata anche al premio Nobel per la Pace - che verrà assegnato domani – grazie al suo impegno a favore dell'istruzione femminile in Pakistan. In un'intervista radiofonica rilasciata mercoledì, la giovane Malala avevva dichiarato di non meritare il premio, perché aveva ancora molto da fare. "Oggi abbiamo deciso di far sapere al mondo che le nostre speranze per un futuro migliore risiedono nei giovani come Malala Yousafzai", ha affermato il presidente del Ppe. I talebani del Pakistan però non hanno accolto di buon grado la notizia, sostenendo che la Yousafazi "non ha fatto nulla" per guadagnarsi un premio per i diritti umani. Ma non è tutto. I talebani, infatti, hanno affermato che tenteranno ancora di ucciderla, che lei si trovi "in America o in Gran Bretagna". "I nemici dell'Islam", ha riferito il portavoce Shahidullah Shahid dei Tehreek-e-Taliban Pakistan, "la stanno premiando perché ha abbandonato l'Islam ed è diventata laica". 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©