Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ha osato parlare dei diritti dei palestinesi

Il Presidente dell'Europarlamento contestato in Israele



Il Presidente dell'Europarlamento contestato in Israele
13/02/2014, 14:42

TEL AVIV (ISRAELE) - Viaggio in Israele non facile per Martin Schultz, Presidente del Parlamento Europeo. 

Invitato a parlare alla Knesset, il Parlamento israeliano, è stato duramente contestato dai partiti di destra. La sua "colpa" è stata innanzitutto di aver parlato in tedesco, cosa che è stata considerata offensiva (e in che lingua dovrebbe parlare in tedesco? Oppure doveva imparare l'ebraico solo per farli felici? ndr), dato il ricordo del nazismo. E poi ha osato l'inosabile: ha ricordato alla Knesset che anche i palestinesi - nello specifico, ha parlato di quelli che vivono in Cisgiordania - sono esseri umani e come tali hanno dei diritti. Due cose intollerabili per metà del Parlamento israeliano, che si riferisce ai palestinesi chiamandoli "vermi" o "animali". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©