Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Secondo fonti il regime di Gbagbo è ormai segnato

Il Presidente Gbagbo respinge la proposta di dimissioni

Gli scontri potrebbero concludersi in poche ore

Il Presidente Gbagbo respinge la proposta di dimissioni
01/04/2011, 15:04

Costa d'Avorio(AFRICA) - La richiesta di Auscente Laurent Gbagbo e avanzata dall’Unione Africana è stata respinta dal Presidente che, fa sapere il portavoce per l’Europa Toussaint Alain, non ha nessuna intenzione di abdicare e consegnarsi ad uno qualsiasi dei ribelli.
Lo stretto collaboratore di Gbagbo ha inoltre riferito che attualmente il Presidente uscente si trova impegnato nel fermare un colpo di stato post- elettorale da parte di Alassane Ouattara. Quest’ultimo in realtà viene considerato da quasi tutti i governi stranieri e le organizzazioni sovranazionali già primo ministro nonché unico vincitore del ballottaggio presidenziale delle scorse elezioni del 28 novembre, ballottaggio che in seguito ad una decisone del Consiglio Costituzionale fu vinto invece da Gbagdo, il quale controllava l’operato dell’organi predisposto alla proclamazione ufficila dei risultati.
Intanto ieri sera sono iniziati gli scontri con le armi pesanti. A essere preso d’assalto è stata proprio il Palazzo Presidenziale e la residenza di Gbagbo. Ancora non si è a conoscenza se il presedente uscente si trovi ad Abifjan, ma certo è che sono incessanti i rumori di armi da fuoco e mitragliatrici nonché la notizia che le forze di Ouattara si siano impossessate del simbolo della regione: la televisione di Stato RTI.
La battaglia per il controllo del pese quindi avanza e secondo fonti diplomatiche occidentali il regime di Gbagbo è segnato e i combattimenti potrebbero concludersi in poche ore. A sostegno di ciò anche l’evidente controllo che le forze di Ouattara stanno avendo sul nord e sud del Paese.
Ieri il governo di Ouattara ha decretato un coprifuoco notturno fino a domenica prossima dalle 21 alle 6, ed ha anche annunciato la chiusura delle frontiere terresti , marittime e aeree del Paese.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©