Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ancora una volta la legge del peso colpisce

Il regista Kevin Smith lasciato a terra dall'aereo: troppo grasso


Il regista Kevin Smith lasciato a terra dall'aereo: troppo grasso
15/02/2010, 12:02

Ancora una volta la "legge del peso" sugli aerei colpisce; e questa volta la vittima è di quelle note: il regista ed attore statunitense Kevin Smith. Aveva preso un aereo della Southwest Air, ma è stato costretto a scendere perchè troppo pesante per l'aereo eccessivamente affollato. Poi il regista è partito con l'aereo successivo.
La Southwest in un comunicato si scusa dell'accaduto, ma addebita la colpa al regista. Infatti, la politica dela Soutwest è che le persone in sovrappeso paghino doppio biglietto; la colpa di Smith, in questo caso sarebbe stata di aver comprato sì due biglietti, ma di avere cambiato aereo all'ultimo istante, scegliendone uno troppo pieno.
Il punto di base è questo fatto di considerare chi è in sovrappeso (ma sovrappeso rispetto a quali parametri? ndr) come se fosse una specie di sottorazza, per cui non ha diritto di salire sugli aerei normalmente, come qualsiasi altro essere umano. E' una cosa che viene abilmente camuffata con tante parole, ma resta pura e semplice discriminazione. Ed è la discriminazione più diffisa nel mondo occidentale. Il che vuol dire tanto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©