Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Occhio di riguardo per il premier italiano

Il ricatto di Gheddafi: 5 miliardi di euro oppure riprenderà l'immigrazione


Il ricatto di Gheddafi: 5 miliardi di euro oppure riprenderà l'immigrazione
29/11/2010, 14:11

TRIPOLI (LIBIA) - E' iniziato a Tripoli, in Libia, il vertice tra Africa ed Unione Europea, in un clima che non può certo essere definito tranquillo. Infatti ad aprire il vertice è stato il padrone di casa, il dittatore Muhammar Gheddafi, che ha subito presentato all'Unione Europea un ricatto: "Per fermare l'immigrazione clandestina occorre fare qualcosa di consistente altrimenti un altro continente si riverserà in Europa. Se l'Europa ci darà 5 miliardi di euro la Libia potrà fermare queste persone". Di conseguenza, continua Gheddafi, l'Africa ha due alternative: "O comincia a cooperare con l'Europa, cosa che fino ad ora non è mai avvenuta, oppure non le resta che rivolgersi a America Latina, Cina e Russia". Naturalmente in Europa l'unico che si salva è Berlusconi, che i cinque miliardi, a spese dei cittadini italiani, già li ha promessi al leader libico: "L'Italia è l'unico Paese che collabora con noi. E' un Paese civile che si è riscattato dal suo passato coloniale".
Da notare che SIlvio Berlusconi è l'unico capo di Stato presente, tra i Paesi europei; mentre gli altri Paesi hanno mandato Ministri o altri rappresentanti di livello ancora più basso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati