Dal mondo / America

Commenta Stampa

Una tigre di “solo” 500.000 sigarette!

Il tabacco secondo Xu Bing: altro che red carpet


Il tabacco secondo  Xu Bing: altro che red carpet
03/11/2011, 19:11

Xu Bing, uno degli artisti più rinomati della Cina contemporanea, ha realizzato una straordinaria installazione che riproduce fedelmente il manto di una tigre. Il peso di questo singolare tappeto è a dir poco sorprendente: ben 440 libre. Altrettanto significativo il numero delle sigarette impiegate. Un prolifico gruppo di giovani artisti si è messo all’opera e ha mirabilmente sovrapposto, da un’estremità all’altra, 500mila sigarette. L’effetto è selvaggiamente creativo. Bing si è ispirato alla industria del tabacco già a partire dal 2000. Questo impressionante tappeto di nicotina è solo una parte della trilogia a cui l’artista sta lavorando da ormai dieci anni. Un lungo percorso durante il quale Bing ha approfondito i temi del commercio globale, dell’esportazione e del confezionamento dei prodotti del tabacco, dell’incuranza imperante nelle strategie di marketing. Si tratta naturalmente di argomenti scottanti che alimentano, ormai da tempo immemore le polemiche più feroci in ogni angolo della terra. Eppure, Xu Bing ha scelto di incanalare la sua passione e la sua energia nella direzione di questa importante missione tesa a recuperare la consapevolezza del fruitore dell’oggetto artistico. Luce puntata dunque su tutti i danni provocati dal fumo e su tutti i pericoli relativi al consumo di tabacco. E a chi obietta che allora non si tuona abbastanza contro le campagne pubblicitarie che incoraggiano il consumo ( che in verità assai spesso diventa abuso) di superalcolici, Xu risponde con l’installazione di questa magnifica tigre: affascinante e feroce al tempo stesso. Questo splendido tappeto resterà esposto fino al 4 dicembre presso il Museo delle Belle Arti in Virginia, per poi essere trasferito al Aldrich Contemporary Art Museum di Ridgefield, nel Connecticut, a partire dal gennaio 2012.

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©