Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

IL VOTO ITALIANO VISTO DAI PRINCIPALI QUOTIDIANI STRANIERI


IL VOTO ITALIANO VISTO DAI PRINCIPALI QUOTIDIANI STRANIERI
15/04/2008, 13:04

I riflettori del mondo, lo scorso week-end, sono stati puntati sulle elezioni italiane, a causa dell'importanza strategica di questo voto che dovrebbe dare nuovo impulso ad un'economia ormai stagnante e nuova forza ad una società stanca e disillusa. Le prime pagine dei quotidiani mondiali sono dedicate al vincitore: Silvio Berlusconi, per la terza volta alla guida dello stivale.E proprio sulla parola "stivale" gioca un editoriale della BBC, che vede lo Stivale ormai dominato dallo "stivale" berlusconiano.
Il New York Times guarda con scetticismo al risultato del voto.
In un paese con un'economia debole, sottolinea il celebre quotidiano americano, non è chiaro se gli italiani hanno scelto Berlusconi per convinzione o, come sostengono gli osservatori, perchè lo hanno considerato il male minore, dopo due anni di un governo di centrosinistra disgregato e troppo invasivo dal punto di vista economico.
Più duro lo spagnolo ABC, che parla di Silvio Berlusconi come del settuagenario potente uomo politico, di nuovo in sella a Palazzo Chigi. Simbolo di una politica, quella italiana, che continua a girare su se stessa mentre il paese è allo sfascio.
Altrettanto critica la posizione del britannico The Guardian, che in un lungo editoriale si sofferma sulla preoccupazione di Bruxelles, dopo l'esperienza della passata legislatura nelle mani della coalizione del centrodestra, responsabile di aver mandato completamente in tilt i conti del paese e aver aumentato il debito pubblico. Prodi stava tentando di risanare le finanze pubbliche, ma il suo governo è risultato inviso agli italiani stessi per l'eccessiva imposizione fiscale. Indipendentemente da chi abbia vinto, concludono la maggior parte degli osservatori stranieri, si rende necessaria per l'Italia una efficace e coraggiosa politica di riforme, che riporti il Bel Paese al passo delle altre nazioni europee.

Commenta Stampa
di Serena Grassia
Riproduzione riservata ©