Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

IN 500MILA ACCOLGONO BENEDETTO XVI A SIDNEY


IN 500MILA ACCOLGONO BENEDETTO XVI A SIDNEY
17/07/2008, 20:07

“Come può essere che lo spazio umano più mirabile e sacro, il grembo materno, sia diventato luogo di violenza indicibile?”: questo l'interrogativo rivolto da Benedetto XVI al folto uditorio dei fedeli che si sono dati appuntamento a Sidney in occasione della celebrazione della 23esima Giornata della gioventù mondiale. In 500mila, tra cui anche alcuni aborigeni e 60 tra vescovi e cardinali, hanno dato il benvenuto al pontefice che oggi ha dato il via agli impegni ufficiali previsti per la ricorrenza. La festa è cominciata con il saluto al Papa dell’arcivescovo di Sydney George Pell, del presidente della Conferenza episcopale australiana, monsignor Philip Wilson e del presidente del Pontificio consiglio per i laici, il cardinale Stanislaw Rylko. La cerimonia è proseguita con la lettura di un brano biblico e le invocazioni allo Spirito Santo in inglese, russo, tailandese, tedesco e spagnolo. Migliaia di giovani sono giunti in pellegrinaggio nella città australiana per ascoltare le parole pronunciate dal papa in difesa della vita, dal suo concepimento fino alla morte naturale. “La vita non è governata dalla sorte, non è casuale” – ha detto il pontefice,  invitando a riflettere sul suo senso. “I diritti umani - ha proseguito - sono universali, basati sulla legge naturale e non qualcosa dipendente da negoziati”.

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©