Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Troppi single, il governo vuole matrimoni con figli

In Cina lo Stato diventa sensale


In Cina lo Stato diventa sensale
26/01/2010, 11:01

PECHINO - Decenni di una politica demografica che obbliga quasi tutte le famiglie ad avere figli unici, sta creando una generazione di giovani che non riescono a convivere insieme. E' questa la realtà della Cina di oggi: nelle grandi città la maggior parte degli appartamenti sono abitati da una sola persona.
Il governo quindi ha deciso di prendere in mano la situazione e di fare da sensale: ha aperto un sito web sul quale, chi cerca moglie o marito può presentare il proprio curriculum e un certificato medico sul sito, avallata dal capufficio o dal dirigente per attestarne la veridicità. Una commissione di partito "accoppia" i vari curriculum e le coppie così ottenute si devono solo sposare. Certo, è un concetto abbastanza alieno, per la nostra mentalità attuale, perchè i matrimoni combinati sono stati tolti da mezzo da decenni. Invece in Asia orientale si tratta di un mezzo usuale anche oggi. Periodicamente ci sono persone anche abbastanza anziane che si incontrano in piazza a Pechino o a Shangai, si conoscono e combinano il matrimonio dei propri figli, per esempio.
Altri ostacoli sono quelli causati dallo stile di vita nella Cina attuale. Non ci sono i diritti che ci sono in Italia o in altri Paesi, il lavoratore è uno stakanovista obbligato. Lavora tante ore al giorno, anche 16, in cambio di uno stipendio che solitamente è molto basso. Dopo tanto lavoro è difficile avere la voglia di uscire ed andare a caccia di ragazze o di ragazzi. Quindi può scoppiare la storia tra colleghi di ufficio, ma per il resto è difficile.
Poi c'è anche un altro dato: lo squilibrio sessuale. 50 anni di legge sul figlio unico ha avuto un risvolto poco noto: la strage delle figlie. Infatti molte coppie che avevano una bambina - data la difficoltà nel farla crescere, procurarle la dote e la difficoltà che una donna non ha lo stesso "potere" dell'uomo nel mondo del lavoro e quindi non può "procurare" ai genitori lo stesso relativo benessere, attraverso pensioni più alte del normale e cose del genere - hanno finito con l'annegarla, per poter dire che era morta per cause naturali alla nascita e quindi fare la richiesta per un altro figlio, sperando che nascesse maschio. Questo ha provocato una situazione per cui le donne sono molte meno della metà, alcuni stimano che non raggiungano il 40% della popolazione, nella fascia della popolazione sotto i 40 anni. Ovviamente il dato è negato dal governo cinese e non ci sono verifiche possibili esterne, ma il dato c'è. E anche questo non agevola la possibilità di creare coppie. Sia perchè fatalmente una quota di cinesi è costretto a restare single comunque; sia perchè la "scarsità" consente alle donne di fare selezione e farsi desiderare. E non sempre questo porta alla creazione di una coppia stabile.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©