Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Anche l'Inghilterra interessata ad applicarla

In Danimarca introdotta la "tassa sui grassi"


In Danimarca introdotta la 'tassa sui grassi'
10/10/2011, 16:10

COPENAGHEN (DANIMARCA) - Nuova tassa introdotta dal governo danese. E' stata battezzata "fat tax", la tassa sui grassi. E' un prelievo del 25% del prezzo di tutti i beni che contengono grassi saturi: carne, latte, burro, margarina, oli, salumi. I primi calcoli parlano di un aumento del burro da 250 grammi intorno ai 3 euro e della bottiglia di olio da un litro di circa 6 euro. La norma dovrebbe servire a combattere l'obesità, da cui anche la Danimarca è affetta. L'iniziativa è piaciuta anche a David Cameron, che in una intervista si è detto interessato a trasferire la norma in Inghilterra.
Certo, c'è da cavarsi tanto di cappello, a fronte di tanta intelligenza. In un momento di crisi, in cui l'economia è ferma perchè in gran parte dell'Europa i cittadini non hanno risorse e in cui gli scambi, sia a livello nazionale che a livello internazionale sono fermi (in Danimarca a dire il vero meno che altrove, ma burro ed olio sono prodotti importati) che cosa pensano? A delle pesantissime tasse che bloccheranno ancora di più il mercato. A meno che il fatto dell'obesità non sia una scusa per far crollare le importazioni (nessuno dei prodotti elencati viene prodotto in grandi quantità in Norvegia) ed instaurare un protezionismo di fatto in questo settore.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©