Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ormai sono centinaia e centinaia le donne che lo usano

In Israele si diffonde il frumka, la versione ebraica del burqa


In Israele si diffonde il frumka, la versione ebraica del burqa
25/11/2013, 21:16

GERUSALEMME (ISRAELE) - Non è insolito, camminando tra le strade di una qualsiasi città israeliana, vedere un gruppo di donne (ma che siano donne lo si immagina soltanto) che camminano completamente coperte da un indumento simile al burqa che si usa in certe nazioni islamiche, come l'Afghanistan o il Pakistan. Ma in questo caso si tratta del frumka, nome che deriva dalla fusione del termine yddish "frum" (devoto) e la parola burqa. Perchè sono quei panni ci sono donne ebree ultraortodosse, che seguono gli insegnamenti di una leader religiosa, Bruria Keren. La quale ha dato una interpretazione delle Sacre Scritture secondo cui la donna deve essere completamente sottomessa all'uomo, in casa (per esempio deve tenere gli occhi bassi e non può mangiare insieme all'uomo) e fuori; non deve avere alcun contatto con l'uomo, se non per procreare; e deve vestire in maniera molto più che modesta. E lei stessa dette l'esempio: girava indossando 10 gonne l'una sull'altra; 7 lunghi mantelli; cinque fazzoletti a coprire la testa ed annodati sul mento più altri tre annodati sulla nuca; e una mascherina a coprire bocca e naso, lasciando scoperti gli occhi. Le idee della Keren inizialmente vennero ignorate, ma ciò non impedì la loro diffusione; neanche quando la donna venne condannata a 4 anni di reclusione per aver picchiato i propri figli ed averli costretti all'incesto. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©