Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Anche l'uragano Ophelia ha contribuito con i suoi venti

Incendi in Spagna e Portogallo: 39 morti e danni incalcolabili


Incendi in Spagna e Portogallo: 39 morti e danni incalcolabili
17/10/2017, 09:32

LISBONA (PORTOGALLO) - Gli incendi scoppiati negli ultimi giorni stanno devastando larghe zone del Portogallo e della Spagna. Si tratta di incendi dolosi, alimentati dalla siccità, dalle temperature decisamente alte per la stagione (siamo quasi stabilmente oltre i 30 gradi) e dai forti venti provenienti dal passaggio dell'uragano Ophelia. Infatti, nella sua corsa verso l'Irlanda, le propaggini dell'uragano hanno sfiorato i due Paesi; e le propaggini di un uragano sono forti venti. Non è un caso se l'Inghilterra si è svegliata con un cielo rosso, a causa delle ceneri e della sabbia del deserto raggiunta dall'uragano. Il bilancio è comunque tragico: 39 morti, tra cui un bambino di un mese.

Nello spegnimento degli incendi sono impiegati oltre 1000 vigili del fuoco, oltre ad aerei ed altri mezzi. Anche l'Italia sta collaborando con due Canadair. Nel frattempo alcuni dei piromani sono stati individuati, sia in Portogallo che in Spagna. Per loro rischiano di arrivare pene pesanti, fino a 20 anni di carcere. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©