Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Intanto gli Usa preparano un intervento diretto

Incursione aerea israeliana in Siria, civili in fuga

"Colpito carico di missili destinati a Hezbollah"

Incursione aerea israeliana in Siria, civili in fuga
04/05/2013, 09:03

DAMASCO (SIRIA) - Secondo quanto riferisce la Cnn, Israele avrebbe nuovamente bombardato la Siria, nella notte tra giovedì e venerdì. La fonte sarebbe uno dei membri dell'amministrazione Obama (anche se non è specificato chi) ed è avvalorata dal fatto che proprio poco prima alcuni aerei militari provenienti da Israele avevano sorvolato il sud del Libano. Ma si ignorano quali sarebbero stati gli obiettivi di tale bombardamento. 
Dal canto suo, l'ambasciato siriano all'Onu ha smentito, dichiarando di non essere a conoscenza di nessun attacco avvenuto in queste condizioni. 
Intanto, continua la propaganda anti-Assad: il cosiddetto "Osservatorio dei diritti umani in Siria" (struttura che in realtà è a Londra ed è gestita da un ex agente del servizio segreto inglese) ha accusato l'esercito regolare di aver ucciso 40 persone nella città di Bayda e di voler fare lo stesso nella vicina Banyas, dove è in corso una evacuazione.
Resta l'incognita sugli Stati Uniti: dopo l'annuncio di Obama che la Siria ha usato armi chimiche sui civili (cosa per cui non c'è una conferma neutrale, ma solo dichiarazioni da parte degli Usa). Probabilmente, gli Usa si limiteranno a formire direttamente le armi all'esercito mercenario anzichè - come fatto finora dalla Cia - limitarsi a procurarsi le armi e ad avviarle in Turchia. Un maggiore impegno, che permetterà di aumentare le centinaia di tonnellate di armi, munizioni e rifornimenti che gli Usa hanno già inviato per combattere contro Assad. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©