Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

India, 107 vittime per bevanda alcoolica contaminata

Liquore di contrabbando provoca strage nel Paese

India, 107 vittime per bevanda alcoolica contaminata
15/12/2011, 10:12

La strage dei poveri, una delle più grandi mai viste nel Bengala Occidentale. Centosette persone decedute per aver bevuto un liquore avvelenato. Venditori ambulanti, manovali, conduttori di tricicli: gente che stentava a campare, ha perso la vita per alcool di contrabbando contenente sostanze tossiche. Il fatto è avvenuto nel villaggio di Sangrampur, vicino Calcutta, in India. Molte altre persone lottano tra la vita e la morte all’interno degli ospedali fatiscenti del paese. La rabbia dei familiari delle vittime è esplosa nella giornata di mercoledi, nei confronti della fabbrica che produce quel liquore che ha avvelenato. Lo stabilimento sito a Mograhat è stato preso d’assalto dai cittadini durante una manifestazione di protesta. Il governo del Bengala Occidentale ha cercato di placare l’ira dei familiari promettendo ad ognuno di loro 200.000 rupie, pari a 2.800 euro. Chissà se basterà per placare il dolore.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©