Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La Polizia non è intervenuta a difendere la ragazza

India: 16enne violentata dal branco e poi bruciata


India: 16enne violentata dal branco e poi bruciata
02/01/2014, 16:39

MADHYAGRAM (INDIA) - Ancora una volta in India un grave episodio di violenza contro le donne. Vittima questa volta una ragazza di 16 anni, a Madhyagram, un paese non molto lontano da Calcutta. 
Il primo episodio risale al 26 ottobre scorso, quando la ragazza venne aggredita da 6 uomini poco distante dalla sua abitazione e venne stuprata. Il giorno dopo, la ragazza andò a denunciare la violenza subita, ma la Polizia la rimandò a casa, accusandola di molestare degli uomini innocenti. Sulla strada del ritorno (presumibilmente avvertiti da qualcuno del commissariato) l'aspettavano i sei uomini, che l'hanno aggredita e violentata nuovamente. A questo punto la denuncia è stata presa sul serio.
Ma nella mattina del 23 dicembre uno dei sei si presentò a casa della ragazza, minacciandola di "gravi conseguenze", se non avesse ritirato immediatamente la denuncia.  Poche ore dopo, la ragazza è stata trovata per strada, con ustioni di terzo grado sul 65% del corpo: le avevano dato fuoco. Inizialmente la Polizia aveva parlato di un tentativo di suicidio, ma poi, date le pressioni della popolazione locale, hanno cominciato le indagini. Indagini che si sono intensificate dopo la morte della ragazza, avvenuta il primo gennaio a causa delle ustioni riportate. L'autopsia ha rivelato che la ragazza era stata messa incinta a causa dello stupro. 
Solo ieri sono stati arrestati due dei sei colpevoli, per cui i genitori della 16enne hanno chiesto la pena di morte.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©