Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Almeno 10 mila morti immediatamente, 15 mila successivamente

India: 25 anni fa la strage di Bhopal


India: 25 anni fa la strage di Bhopal
02/12/2009, 10:12

BHOPAL (INDIA) - Il 2 dicembre 1984 uno stabilimento dell'Union Carbide, una società statunitense, a Bhopal, una città dell'India, a causa di una manutenzione a dir poco negligente, fece fuoriuscire almeno 40 tonnellate di isocianato di metile (un veleno usato per i pestidici, ma proibito in molti Stati perchè eccessivamente velenoso) insieme a 12 tonnellate di altri reagenti chimici. I prodotti, in forma gassosa, crearono una nube mortale, che i venti spinsero sulla città. E fu strage: dai 7000 ai 10000 morti immediatamente; almeno 15 mila morti dal 1984 ad oggi, a causa delle conseguenze di quei veleni. E ancora oggi altre 100 mila persone portano i segni di quella sera: edemi polmonari, cancro, danni agli occhi e agli organi interni.
Ed è una strage senza colpevoli, perchè non c'è mai stata una vera indagine e un vero processo. Anzi, la Union Carbride - che oggi fa parte della Dow Chemical, uno dei colossi chimici mondiali - ha pagato 470 mila dollari al governo indiano per cancellare tutte le denunce. Mentre quei veleni restano ancora nel terreno e nelle falde acquifere della zona, avvelenando ancora oggi la popolazione di Bhopal.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©