Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Le forze dell’ordine lo hanno sottratto alla furia della fol

India, arrestato per stupro, deputato rischia linciaggio


India, arrestato per stupro, deputato rischia linciaggio
03/01/2013, 20:08

L’india è sconvolta. Non trova fine l’ondata di stupri che sta investendo lo stato asitico l’ultimo in ordine cronologico, riguarda un deputato, Bikram Singh Brahma, accusato di aver violentato una donna nella provincia di Assam. Le grida disperate della donna hanno attirato l’attenzione degli abitanti dell'area che sono intervenuti, catturandolo. Intorno al noto politico si è accalcata una folla di persone che avevano intenzione di linciarlo. L’intervento della polizia ha fermato la folla inferocita.
La violenza sarebbe accaduta verso le due di notte, durante una visita del deputato al villaggio. Filmati della televisione indiana hanno mostrato donne della zona che hanno circondato il deputato strappandogli gli abiti e schiaffeggiandolo al volto. La polizia lo ha prelevato l'uomo salvandolo dal linciaggio.
“Stiamo prendendo la questione molto seriamente”, ha dichiarato G.P. Singh, alto ufficiale della polizia locale. Contro le forze di polizia prende sempre più piede l’accusa di sottovalutare il problema delle violenze sulle donne, problema sempre più grave e diffuso. Accettano infatti con difficoltà le denunce e usano un atteggiamento che tende a sminuire e a zittire le vittime. Dopo lo scalpore destato dal caso della studentessa stuprata da sei uomini su un bus a Nuova Delhi e morta dopo due settimane di agonia, che ha scatenato proteste in tutta l'India, la polizia sta tentando di mostrare un atteggiamento più corretto rispetto al problema.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©