Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Nel 1984 morirono 20 mila persone

India: dopo 25 anni 8 condanne per la strage di Bhopal


India: dopo 25 anni 8 condanne per la strage di Bhopal
07/06/2010, 10:06

BHOPAL (INDIA) - Otto dipendenti o ex dipendenti della Union Carbride, società che fa parte del colosso internazionale Dow Chemicals, sono stati condannati da un Tribunale indiano a pene lievi - la più grave è a due anni - per la strage di Bhopal, avvenuta il 2 dicembre 1984. Nello stabilimento chimico c'erano 40 tonnellate di isocianato di metile - un veleno mortale usato all'epoca anche come pesticida, anche se nei Paesi occidentali era vietato perchè troppo pericoloso - che nel 1984 fuoriuscirono per una rottura degli impianti, insieme ad altre 12 tonnellate di altri prodotti chimici. Si formò una nuvola di fumo bianco che i venti spinsero verso il centro cittadino di Bhopal. Almeno 8 mila persone morirono quella sera o nei giorni successivi tra atroci sofferenze, causate dal veleno; 20 mila sono quelle uccise dai veleni tra il 1984 e i giorni nostri; altre 500 mila sono le persone affette da patologie legate a quell'inquinamento. Infatti ancora oggi l'acqua, il terreno e persino l'aria sono ancora impregnate di sostanze chimiche pericolose o letali per la salute umana.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©