Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Decisione del tribunale, mitigata da molte concessioni

India: i marò italiani in carcere per tre mesi


India: i marò italiani in carcere per tre mesi
05/03/2012, 14:03

KOLLAM (INDIA) - Alla fine il Tribunale di Kollam ha deciso: i due soldati italiani, appartenente al battaglione fucilieri San Marco, che sono stati accusati dell'omicidio di due pescatori indiani durante il loro servizio antipirateria sulla petroliere Enrica Lexie, aspetteranno in carcere la fine delle indagini. Anche se avranno concessioni speciali, poco conosciute in quel Paese per i detenuti, come per esempio la possibilità, per il console italiano di andarli a visitare senza limitazioni. Questo in attesa che finiscano le indagini, in particolare le perizie balistiche sulle armi dei marò, che sono in corso in questo momento.
Intanto sui mass media indiani, si soffia sul fuoco, per questa vicenda. Ma è per motivi politici. Tra poco ci saranno le elezioni nella regione del Kerala, quella in cui si trovano Kochi e Kollam. Il governatore ha una maggioranza di 71 a 68 e quindi si sta cercando di sfruttare l'episodio - che sia accaduto o meno - per cercare da una parte di mantenere il potere nella regione e dall'altra di conquistarlo. E se questo avviene ai danni di qualche straniero, non è che interessi tanto. Come non è mai interessato a Lega e Pdl di guadagnare voti sulle sofferenze di indiani, pakistani o di altre nazionalità.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©