Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Secondo la stampa, la pena sarà da 10 anni all'ergastolo

India: il governo garantisce nessuna pena di morte per i marò


India: il governo garantisce nessuna pena di morte per i marò
08/02/2014, 11:59

NEW DELHI (INDIA) - Il Ministro degli Interni indiano Kuldeep Dhatwalia ha autorizzato la polizia a perseguire i due marò italiani secondo il Sua Act, cioè la legge antipirateria, ma senza chiedere la pena di morte. Lo ha riferito all'Ansa il portavoce dello stesso ministro. 

Anche la stampa indiana ha parlato dell'argomento, anche se con teorie differenti. Secondo il Times of India, nei confronti degli italiani verrebbe applicata la sezione 3 comma A del Sua Act, che prevede una condanna massima a 10 anni di reclusione (mentre la pena di morte è prevista dal comma G1). Secondo the Economic Times, invece, verrebbe adottata la normativa riguardo l'omicidio volontario, che prevede una pena che può arrivare all'ergastolo, e solo raramente alla pena di morte.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©