Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Annullata una sentenza del Tribunale di New Delhi

India: la Corte Suprema conferma il reato di omosessualità


India: la Corte Suprema conferma il reato di omosessualità
11/12/2013, 09:03

NEW DELHI (INDIA) - In un mondo dove aumentano sempre più i diritti degli omosessuali, l'India compie una marcia indietro. Infatti la Corte Suprema ha confermato che l'omosessualità è un reato punibile, a norma del Codice Penale, con la reclusione fino a 10 anni. 
L'ha fatto cassando una sentenza del Tribunale di New Delhi, che aveva assolto due uomini, accusati di aver avuto rapporti omosessuali, sostenendo che fosse necessario che il Parlamento legiferasse in proposito. 
Una valutazione non condivisa dalla Suprema Corte, che ha invece ritenuto la sussistenza del reato, qualificato come un comportamento contro natura, che viene punito con una multa e la reclusione fino a 10 anni. 
Un comportamento nettamente in contrasto con quello della maggior parte dei Paesi del mondo, dove agli omosessuali si tende a dare gli stessi diritti degli eterosessuali, anzichè ghettizzarli, isolarli e punirli con il carcere. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©