Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Cordoglio del Primo Ministro

India: morta studentessa stuprata su autobus


India: morta studentessa stuprata su autobus
29/12/2012, 09:35

NUOVA DELHI – Purtroppo non ce l’ha fatta la ragazza indiana di 23 anni stuprata, due settimane fa, su un autobus che viaggiava in un quartiere bene di Nuova Delhi.
La studentessa era stata ricoverata, dopo l’atroce violenza, in un ospedale di Singapore.
Inutili sono state le cure dei medici per salvarle la vita.
Il primo ministro indiano Manmohan Singh, ha espresso il cordoglio dell’intero paese alla famiglia della vittima e ha poi aggiunto: “Spetta ora a tutti noi provare che la sua morte non sia stata invano”. 
Il presidente della repubblica Pranab Mukherjee ha poi dichiarato: “Era una ragazza forte e coraggiosa che ha lottato fino all'ultimo minuto per la sua dignità e per vivere. E' una vera eroina che simboleggia il meglio della gioventù indiana e delle donne”. 
I pareti della studentessa, hanno espresso il loro desiderio di riportare il corpo della figlia in India.
L’ambasciatore indiano ha fatto sapere che il rientro della salma avverrà nel pomeriggio.
Forse qualcuno ricorderà, che prima della morte della ragazza anche Sonia Gandhi, leader del Partito del Congresso, aveva espresso la sua solidarietà alla studentessacon queste parole:
“I nostri pensieri sono con la giovane donna. Il nostro unico desiderio è che lei si riprenda e torni presto con noi e che non si perda tempo nel portare davanti alla giustizia coloro che si sono macchiati di questo barbaro crimine”. 

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©