Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La guida piemontese è con ambasciatore e console italiani

India, Paolo Bosusco è libero. "Sto bene", ha detto


India, Paolo Bosusco è libero. 'Sto bene', ha detto
12/04/2012, 09:04

INDIA - Dopo tanti tira e molla, ultimatum e speranze deluse, Paolo Bosusco è stato liberato. A darne notizia è la Tv indiana Ndtv, ma poi è stata confermata da diverse fonti, comprese fonti diplomatiche della Farnesina - e non poteva essere diversamente, dato che l'italiano è stato accompagnato nella città di Bhubaneswar dove in una "guest house" ha incontrato il console e l'ambasciatore italiano - e la Polizia indiana.
Paolo Bosusco è una guida piemontese che vive in India gran parte del suo tempo ed era stato rapito il 14 marzo scorso mentre accompagnava un suo cliente (già rilasciato un paio di settimane dopo il rapimento). Si è temuto a lungo per la sua vita, a causa di una serie di ultimatum che il gruppo di ribelli maoisti - che l'aveva catturato - aveva lanciato, nel caso non fossero stati liberati una serie di persone arrestate dalla Polizia. Ma ieri, finalmente, la liberazione, avvenuta non lontano dal posto dove si era verificato il rapimento, per evitare che le forze di sicurezza indiane individuassero il gruppo e lo attaccassero, ora che non potevano più farsi scudo dell'ostaggio.
Bosusco è stato anche messo in contatto con il TG1, questa mattina, al telefono e ha detto di stare bene e di non avere avuto eccessivi problemi.
APpena

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©