Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

INDIA: PER DIFENDERSI DA VIOLENTATORE, LO DECAPITA CON LA FALCE


INDIA: PER DIFENDERSI DA VIOLENTATORE, LO DECAPITA CON LA FALCE
17/10/2008, 14:10

Una donna di 35 anni è stata arrestata, in India, per avere ucciso un uomo. La donna stava lavorando nei campi con una falce, quando l'uomo, che la molestava da tempo, l'ha aggredita, mordendola e tentando di violentarla. La donna, nel difendersi, l'ha colpito con la falce, decapitandolo.

Da noi una cosa del genere potrebbe sembrare legittima difesa, ma in India non è detto che sia così. Anche se ufficialmente le leggi sono uguali per tutti, in realtà la divisioni in caste resiste ancora, per cui uomini considerati di "casta superiore" sono immuni ai rigori della legge, per quello che fabnno verso coloro che sono di "casta inferiore"; al contrario, coloro che sono di "casta inferiore" e commettono reati contro coloro che sono di "casta superiore" subiscono pene estremamente dure. In India i casi di persone morte, torturate o - nel caso di donne e soprattutto ragazze, anche di tenera età - violentate delle "caste inferiori" praticamente non si contano. E se vengono arrestate a volte è anche peggio, perchè le carceri si trasformano in una specie di bordello gratuito, dove chiunque vuole va e si serve. E non è raro che le donne poi muoiono per gli eccessivi traumi che subiscono

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©