Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Si deve decidere da chi devono essere processati

India: processo ai marò, nuovo rinvio al 25 aprile


India: processo ai marò, nuovo rinvio al 25 aprile
22/04/2013, 11:33

NEW DELHI (INDIA) - Nuovo rinvio per il processo ai due marò - Massimiliano Latorre e Salvatore Girone - accusati di aver ucciso due pescatori indiani. La Corte Suprema ha rinviato il processo al 25 aprile. In ballo resta la questione di chi dovrà giudicare i militari italiani: se la polizia antiterrorismo (Nia) o la polizia criminale (Nbc). La questione non è di lana caprina: se l'autorità passasse alla Nia, le pene sarebbero più severe.
La Nia era stata l'ente inizialmente incaricato, ma gli avvocati difensori, con una memoria, avevano contestato la scelta, dato che la legge usata contro gli italiani vale per gli atti di terrorismo in acque internazionali; mentre - sostenevano i legali - l'omicidio dei due pescatori, al di là di chi l'abbia comemsso, non rientra in questo settore. E fu proprio a seguito di questa memoria che i giudici indiani decisero per la costituzione di un tribunale ad hoc, a Kerala, incaricato di processare i due marò italiani. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©