Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Resta il dubbio quali leggi verranno utilizzate

India: ricorso alla Corte Suprema per evitare la pena di morte per i marò


India: ricorso alla Corte Suprema per evitare la pena di morte per i marò
14/01/2014, 18:47

NEW DELHI (INDIA) - Aumentano i dubbi su come si comporterà il Tribunale di New Delhi, incaricato di processare i due marò italiani, Salvatore Girone e Massimo Latorre, accusati dell'omicidio di due pescatori. Per questo, visti i rinvii del governo indiano nel presentare i capi di accusa, si sta pensando di effettuare un ricorso alla Corte Suprema indiana affinchè specifichi, ancora una volta, la non applicazione della legge antiterrorismo sulla pirateria. Si tratta di un testo che prevede anche la pena di morte, eventualità che si vuole assolutamente scongiurare. 
Si tratta di una decisione che in precedenza già per due volte il Tribunale, chiamato a discutere aspetti marginali della vicenda, ha preso, negando la possibilità di usare le norme antiterrorismo.
Intanto, oltre alla delegazione grillina, che dovrebbe andare in India il 20 gennaio, Camera e Senato stanno valutando di mandare anche una delegazione in rappresentanza dell'Italia.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©