Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Italiani bloccati a causa delle frane

India: sono 80 le vittime delle inondazioni


India: sono 80 le vittime delle inondazioni
06/08/2010, 14:08

NEW DELHI - E' salito a 80 il numero dei morti per le inondazioni che hanno colpito l'India. Le forti piogge si sono abbattute nel Kashmir indiano, in particolare sulla città di Leh. Decine sono i dispersi e in queste ore si cerca anche se tra le vittime ci sono cittadini stranieri. L'ambasciata italiana a New Delhi ha annunciato, infatti, che sono diversi i connazionali rimasti bloccati lungo la strada Manali-Leh, dove ci sono state numerose frane. La storica città di Leh è spesso meta di vacanze per molti turisti.
Interrotte le autostrade che collegano la città con l'esterno e, inoltre, le precipitazioni hanno danneggiato l'aeroporto. Colpiti anche numerosi edifici pubblici, fra cui scuole, i palazzi governativi e l'itbp, il quartier generale della polizia di frontiera. Le violenti piogge hanno anche distrutto il principale ospedale di Leh. L'esercito ha mobilitato circa 6000 uomini per affrontare l'emergenza, che ha raggiunto il picco massimo quando un forte temporale ha causato l'interruzione delle telecomunicazioni e i servizi di pubblica utilità. La regione più colpita è quella del Ladakh, montuosa e a maggioranza buddista, grande attrazione turistica per gli appassionati di trekking.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©