Dal mondo / America

Commenta Stampa

Scoperto un ricco giacimento di petrolio a 3000 metri

Inghilterra ed Argentina rischiano una nuova guerra per le Falkland


Inghilterra ed Argentina rischiano una nuova guerra per le Falkland
17/09/2011, 18:09

FALKLAND/MALVINAS - Fu una delle guerre più note degli anni '80, quella tra inglesi ed argentini per il controllo delle Falkland (o Malvinas, per i sudamericani), che si combattè nel 1984. Fu allora che il mondo conobbe le prstazioni dell'Harrier inglese, il primo aereo a decollo ed atterraggio verticale. Si tratta di un gruppo di isolotti di proprietà inglese dal 1833 ma di fronte alle coste argentine.
Il rischio oggi è di un riaprirsi di quel conflitto. Infatti la Rockhopper Exploration, società inglese che si occupa di trovare nuovi giacimenti di petrolio, ha fatto il colpo gobbo, trovandone uno che promette una produzione superiore ai 300 milioni di barili al giorno. E l'ha trovato a poca distanza dall'arcipelago conteso, ad una profondità di 3000 metri. Ovviamente, sono subito cominciate le operazioni preliminari per lo sfruttamento del giacimento, che dovrebbe rendere disponibili i suoi tesori dopo il 2016.
Tutta questa attività non piace all'Argentina, che già da tempo è ai ferri corti con l'Inghilterra, dal punto di vista diplomatico. Ferri che sono diventati ancora più corti quando sono cominciate le trivellazioni in quella area, non solo da parte della Rockhopper, ma anche di altre sei società inglesi. Il tutto mentre l'Argentina continua a rivendicare quelle isole, con la presidentessa Cristina Fernandez de Kirchner che recentemente ha chiamato Cameron "arrogante", per essersi rifiutato di discutere della proprietà delle isole. Ed ha aggiunto che il primo ministro inglese vuole solo impadronirsi delle risorse naturali che invece spetterebbero al proprio Paese.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©